Domenica, 22 Aprile 2018 18:25

Grazie di tutto Peppe

Scritto da Staff
Vota questo articolo
(5 Voti)


Non abbiamo avuto molto tempo per conoscere Giuseppe.

È arrivato in uno dei nostri incontri di qualche anno fa dove con calore e passione discutevamo sulle cose che ci accadevano intorno, su quelle che potevano essere le soluzioni o le cose giuste da fare per Montegranaro e l’Italia.
Se ne è andato oggi, in una splendida giornata di primavera. 
Bella come il suo sorriso che c’era sempre, primo o dopo una battuta scherzosa, prima o dopo una discussione accesa.

La sua cordialità e il suo rigore ci hanno sempre aiutato ad essere persone migliori a non accontentarci dei risultati raggiunti.
Con lui potevi discutere di tutto. Dal lavoro alla fede, dal calcio alla famiglia.
Sono indimenticabili i suoi interventi: scriveva spesso e attraverso lunghissimi paragrafi si intravedeva quanta passione c’era in quello che faceva e pensava.

Nell’ultimo periodo avrebbe voluto molto di più da parte nostra. Credeva che avvicinarsi troppo ad alcuni personaggi che hanno contribuito allo sfacelo politico ed economico del nostro paese, fosse un rischio troppo alto da correre.
Lo diceva con intelligenza, senza arroganza, come fanno gli uomini che credono davvero in idee che non hanno preso a prestito da nessuno, ma che sono interamente frutto del proprio vissuto. Così intellettualmente onesto che non risparmiava critiche neanche a noi quando le cose che vedeva intorno non erano chiare e trasparenti.

Metteva anche in gioco le sue idee. Ne parlava, le proponeva con ardore.
Una su tutte, ci preme ricordarlo, fu il suo impegno e il suo lavoro per la stesura della bozza sul Regolamento per i Comitati di Quartiere che presentammo alla giunta Comunale nel 2015. Fu un lavoro attento e coraggioso che speriamo prima o poi qualcuno abbia l’interesse di non far naufragare anche in onere della memoria di chi hai investito cuore e cervello per regalarlo al paese, proprio come fecce il nostro Peppe.

Non abbiamo avuto molto tempo per conoscere Giuseppe. O forse no.
Quando hai di fronte persone speciali, non occorre tanto tempo. 
Loro, le persone speciali, al netto dei limiti umani che noi tutti abbiamo, hanno la capacità di arrivare e rimanere in profondità senza bisogno che occorra tempo. 
E lui lo era.

Ed allora, Peppe, grazie. 
Ora che sei tra le stelle, che sei tornato a rivederle… dacci speranza e coraggio anche da lassù per essere persone migliori, capaci di tracciare nuove strade.

Letto 245 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti