Venerdì, 26 Maggio 2017 22:18

Mozione Project

Scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)

L'ultimo consiglio comunale, è stato molto importante per il nostro gruppo in quanto tra i punti all'ordine del giorno, c'era la  mozione da noi presentata, riguardo la "sentenza Project" di cui abbiamo già parlato in altri articoli.
Riassumento brevemente parte della mozione, andrò ad elencare i punti di sviluppo di questa sotria:

- 1998
, siamo verso la fine della consiliatura Branchesi e con la delibera 67 l’allora vice sindaco avv. Palazzetti relazionava in consiglio comunale circa la necessità di acquisire il lotto 2 del fallimento Filomeni , delibera che fu approvata.

- Nel 99 finisce l’amministrazione Branchesi e subentra l’amministrazione Basso....

COMPOSIZIONE GIUNTA

Basso
Botticelli
Ubaldi
Di Battista
Petrini
Berdini
Mancini
Catini
Sindaco

 - Nel 2001 (11/04/2001) con la delibera 87 la giunta Approva il progetto primo stralcio per la sistemazione Rio dell’Inferno - lavori iniziati e terminati nel 2002

- Dopo aver terminato i lavori di sistemazione di arredo urbano ( era Giugno 2004), a Novembre dello stesso anno ( 12/11/2004), la società Project srl fa un’offerta al curatore fallimentare per l’acquisto dell’area, e gli viene assegnata.

- La project srl, attraverso il suo amministratore unico avv. Massucci, immediatamente (dicembre 2004) scrive al nostro comune per avere il risarcimento integrale del danno causato dall’occupazione abusiva ed irreversibilmente destinata all’uso pubblico ed invitando il comune ad una definizione bonaria della  uestione.

- A Giugno del 2005 ( 15/6/2005), la Project continua a scrivere al comune ribadendo la sua richiesta di risarcimento integrale del danno.

- Nel Novembre del 2006 (10/11/2006) ci arriva una citazione in giudizio della Project srl eseguita dal legale della stessa l’avv. Nullo Palazzetti 

- Il Giudice, dopo aver provato a proporre una composizione della lite con l’esborso di circa 300000€, che non venne accettata, nel gennaio del 2014 ci condannava a pagare 895000€  per l’area , aggiungendo spese per indebita occupazione, spese legali, interessi che sommando il tutto fanno circa 1 100 000€ circa.

- Oltre al giudice, anche l’avvocato Fidanza che era il legale del comune, dopo la sentenza di 1° grado ci sconsiglia di impugnarla poiché sostanzialmente non abbiamo ne atti ne elementi da poter produrre e pare pacifico e non contestabile che abbiamo ricevuto una condanna inferiore rispetto alle somme calcolate nell’elaborato peritale che è di gran lunga superiore il valore del bene e rischieremmo un sentenza maggiore laddove la corte d’appello di Ancona non aderisca alla valutazione data. Quindi il nostro legale, in buona sostanza ci dice che ci è andata pure bene .....

Questa in breve, tuti gli eventi successi dal 1998 ad oggi riguardo la "Project" , una storia che le amministrazioni precedenti, così come quella attuale,oramari da 20 anni, continuano a raccontare,ma sempre girandoci in tondo e questo è quello su cui noi volevamo far chiarezza.

Le "medaglie al petto", ci saremmo augurati di metterle assieme alla maggioranza e all'opposizione, dicendo ai cittadini perchè a breve, molto probabilmente si troveranno (e ci troveremo) a pagare una somma (qualsiasi essa sia) per una questione successa 20 anni fa e ancora senza risposte e senza "protagonisti", ma molto probabilmente i troppi protagonisti ancora seduti tra i banchi non se la sono sentita.

In conclusione, alla nostra mozione sono stati favorevoli, oltre al nostro consigliere,  gli ex amministratori (Gismondi, Lucentini, Zincarini) e il "blocco SEL"  (che non sembra avere avuto, ne ora ne in passato consiglieri troppo legati a tale vicenda); Gianni Basso (video del suo intervento), che inizialmente si è dichiarato favorevole nel votare la mozione, dopo aver aggiunto dettagli piuttosto rilevanti sulla vicenda (e diverse inesattezze), è stato assente nel momento della votazione, mentre l'attuale maggioranza compatta, (escluso il presidente Antonelli: astenuto), nonostante avesse avuto da un mese il testo della mozione e che quindi di fatto avrebbero avuto tutto il tempo di dimostrare la loro tanto sbandierata "trasparenza" ai cittadini, hanno preferito votare contro, lasciando ai due avvocati in giunta, le tesi difensive in merito a quella che sarebbe stata la loro votazione.

del resto Perugini nel 2014, in campagna elettorale lo disse chiaramente (qui il video): 

"ci sta chi sta tentando (come il movimento 5 stelle), dè di che so tutti uguali"

e qui, all'ex presidente della provincia di Fermo, dobbiamo dargliene atto perchè ha proprio ragione:

"non sete tutti uguali, ma siete vergognosamente sempre gli stessi da 20 anni!"

Letto 281 volte Ultima modifica il Martedì, 30 Maggio 2017 13:05
Matteo

Social Profiles

Devi effettuare il login per inviare commenti